Events

Questione di numeri

55.000 è il numero di persone che sabato 19 luglio ha assistito al concerto dei Moda’ allo stadio San Siro di Milano.
4 ore e mezza l’attesa per sentirli cantare (purtroppo i miei posti non erano numerati).
2 ore e venti praticamente ininterrotte di concerto.
6 gli artisti o gruppi di artisti che hanno partecipato: a partire dai Dear Jack che hanno aperto lo show ai Tazenda, Francesco Renga, Bianca Atzei, Jarabe De Palo, fino al bravissimo Luca Ward che ha magistralmente presentato ciascuno dei Moda’.
10 il numero che Kekko aveva sulla maglietta, da vero Capitano.
2 ciascuno i toast che io e le mie due amiche abbiamo mangiato mentre ammazzavamo il tempo tra una chiacchiera e l’altra.
Infinite le emozioni vissute quella notte…che rivivremo a settembre in prima serata su canale 5!
Alla prossima!

Question of numbers
Continua a leggere

Annunci
Standard
Food

Il te’ delle 5

Ritorno a parlare di te’, della mia passione per questa calda e raffinata bevanda.
E lo faccio perché ho avuto modo, tramite una collega, di scoprire una deliziosa bottega nel cuore di Milano, specializzata in questo rituale.
Il negozio, a cui si accede salendo due scalini, si chiama l’essenza del the. Appena entrati, si viene immediatamente colti da un inebriante ed avvolgente aroma di tè. Ben ordinati su ciascuna parete e contenuti in scatole verdi, ci sono circa 300 qualità di te’ naturali sfusi provenienti da India, Cina, Ceylon, Africa e Giappone.
I miei preferiti sono certamente i tè aromatizzati (verdi, neri, oolong)! A mio parere la loro specialità, mai provati di così buoni! Uno degli ultimi acquisti è stato il tè verde alla torta di mele, con pezzi di Mela, Ribes, Marzapane e Cassia (aroma), fiori di Fiordaliso. Sorseggiare un tè come questo con una calda fetta di torta di mela e una spruzzatina di panna montata fresca è la merenda perfetta…da condividere con le amiche o per un baby party per i più piccini!! E poi tisane dopo pasto e infusi alla frutta per riscaldare le vostre giornate o coccolarvi sorseggiando un po’ di dolcezza.
L’essenza del the è un piccolo mondo dedicato a questa bevanda: vi potrete sbizzarrire comprando anche zuccherini di varie forme e colori, scatoline con deliziosi disegni, servizi da tè, bollitori e le comodissime tea sac per metterci il vostro tè sfuso.
Insomma, un cult che le amanti del tè non possono perdere!

L’essenza del the
via Cerva, 12
20122 Milano
tel. 0245481483
email: info@essenzadelthe.fastwebnet.it
Metro Duomo

Tea of 5

Return to talk to you, my passion for this warm and refined drink.
And I do it because I got through a colleague, to discover a delightful shop in the heart of Milan, specializing in this ritual.
The store, which can be accessed two steps above, is called “the essence of tea”. As you enter, you are immediately struck with a heady and enveloping flavor of tea. Well ordered on each wall and contained in green boxes, there are about 300 of you as natural bulk from India, China, Ceylon, Africa and Japan.
My favorites are definitely the flavored teas (green, blacks, oolong)! In my opinion their specialty, never felt so good! One of the last purchases was the green tea apple pie, with chunks of apple, currant, marzipan and Cassia (fragrance), flowers of cornflower. Sipping tea like this with a warm slice of apple pie and a sprinkling of fresh whipped cream … is the perfect snack to share with friends or for a baby party for the kids! And then after dinner teas and fruit teas to warm up your day or pamper yourself and enjoy a little ‘sweetness.
The essence of tea is a small, world dedicated to this drink: you can also indulge by buying sugar in various shapes and colors, boxes with delightful drawings, tea sets, tea kettles and cushy sac to put your loose tea.
In short, a cult that tea lovers can not miss!

20140527-165804.jpg

Standard
Events

Un’ora d’arte

Colore, che in certi artisti rappresenta gioia, in altri amarezza, in altri ancora spiritualità. La mostra che ho visitato ieri sera a Milano, uscendo dal lavoro, si intitola “Pollock e gli irascibili. La scuola di New York”. Aperta fino al 16 febbraio 2014 a Palazzo Reale, costituisce un’interessante rassegna di questo gruppo di pittori detti “gli irascibili” che negli anni 50 furono gli esponenti di una democratica protesta nei confronti del Metropolitan Museum of Art. L’opera cardine della mostra e’il “Number 27” di Pollock, oggetto peraltro di una difficile trattativa tra il Sole 24 Ore e il Whitney Museum che ha eccezionalmente acconsentito a concederla per l’esposizione. Oltre ad essere l’opera più famosa di questo straordinario artista, questo dipinto di circa tre metri e’ l’emblema della rottura con l’arte del passato. A cominciare dall’inversione della tela che con Pollock non viene più dipinta su un cavalletto, ma per terra. Vi posto una foto del Number 27: davanti a questa immagine non pensate, lasciatevi trascinare dall’armonia dei colori e dai suoi filamenti, frutto di un tratto non casuale, ma istintivo e geniale al tempo stesso.
Io lo vorrei in salotto. E voi?

An hour of art

Color, in which certain artists represents joy, bitterness in others, and in others spirituality. The exhibition I visited last night in Milan, leaving work, titled “Pollock and the irascible. School of New York.” Open until February 16, 2014 at the Royal Palace, is an interesting review of this group of painters known as “the irascible” that in the 50s were the leaders of a democratic protest against the Metropolitan Museum of Art The pivotal work of the exhibition the iconic “Number 27” by Pollock, however, the subject of a difficult negotiation between the Sole 24 Ore and the Whitney Museum, which has exceptionally agreed to grant it for the exposition. In addition to being the most famous work of this extraordinary artist, this painting about three feet and ‘the symbol of the break with the art of the past. Beginning with the inversion of the canvas that Pollock is no longer painted on a tripod, but on the ground. I’ll post a photo of the Number 27: in front of this picture do not you think, be carried away by the harmony of the colors and its filaments, the result of a sudden not random, but instinctive and brilliant at the same time.
I would like in the living room. And you?

20140130-200216.jpg

Standard
Fashion

Occasioni da saldi…

Passeggiare in pausa pranzo e trovare per caso la collana che cerchi da tutto l’inverno…non ha prezzo! Succede anche questo. A Milano. Durante i saldi. Da Zara. 😍

Walking at lunch and find the necklace you are looking for all winter! This also happens. In Milan. During the sales. From Zara. 😍

20140208-190139.jpg

Standard
Events

Andy, caro Andy…

Immagine

Sabato sera pop.

Destinazione Milano.
Obiettivo: mostra di Andy Warhol e astice alla catalana. Un abbinamento curioso ma di sicuro effetto per una serata speciale.
L’esposizione, a Palazzo Reale, dal 24 Ottobre 2013 al 9 Marzo 2014, e’ un’occasione rara per vedere riunite le più famose opere del Re della Pop Art. Raccolte dal magnate, Peter Brant, suo carissimo ed intimo amico, rappresentano uno sguardo unico sulla carriera artistica di Warhol. Dal ritratto dell’icona di tutti i tempi, Marilyn Monroe, al disegno della famosissima Campbell’s Soup, alla mostra si respira l’entusiasmante atmosfera della New York degli anni ’60 e ’70.
Ispirata ed affamata mi dirigo poi in uno dei miei ristoranti preferiti a Milano: Trattoria del Pescatore in Porta Romana. Il loro astice alla catalana parla da solo!!! Unico neo: occorre riservare un tavolo con largo anticipo perché il locale non è grandissimo ed è sempre molto affollato!
Bene, qualche spunto per un divertente weekend milanese ve l’ho dato…aggiungeteci poi un giro di shopping tra i negozi di Via Torino ed il gioco e’fatto!
Standard